La progettazione di self driving cars da parte delle case automobilistiche è ritenuta l’ultima frontiera da raggiungere, in fatto di innovazione tecnologica. Tra ritardi e veti legislativi, la strada potrebbe essere più difficile del previsto

L’idea di auto con il “pilota automatico” è molto antica. È possibile anche dire che l’idea di un’auto che si guidasse da sola è stata trasversale a ogni epoca storica, anche se i mezzi e le risorse per raggiungere l’obiettivo non hanno mai permesso ulteriori sviluppi. Ultimamente, grazie all’incontro tra automotive e hi-tech qualcosa è cambiato: le self driving cars sono diventate realtà. Già nel 2008 fu sperimentato in Olanda su strada il primo sistema di trasporto pubblico senza guidatore e dall’anno successivo lo sviluppo di auto con pilota automatico ha interessato trasversalmente tutte le case automobilistiche del pianeta.
La ricerca ha raggiunto risultati talmente sorprendenti – il caso Tesla è emblematico – da spingere i costruttori e i legislatori a normare le caratteristiche delle guide autonome.

I livelli di guida autonoma: ecco quali sono

I livelli di guida autonoma sono sei, e sono numerati da 0 a 6. Dall’elenco sono ovviamente escluse le auto tradizionali che – pur avendo elevati standard di sicurezza, e quindi di automazione – non presentano novità in merito al processo di guida.

Guida Autonoma Livello 0

Nel Livello 0 è importante che il guidatore sia vigile su tutte le funzioni di guida. Il livello 0 è molto simile alla guida tradizionale, in quanto il sistema avverte il driver solo di malfunzionamenti o situazioni di pericolo (ad es. sensori di prossimità).

Guida Autonoma Livello 1

Nel Livello 1 la partecipazione attiva del guidatore è fondamentale, ma l’auto può intervenire su sterzate, frenate o accelerate. Ad ogni modo la guida è demandata al driver umano.

Guida Autonoma Livello 2

Nel Livello 2 l’automobile prende il totale comando in caso di pericolo e può utilizzare freno, acceleratore e sterzo. È una guida autonoma ma solo per brevi frangenti di tempo. La presenza del guidatore è fondamentale.

Guida Autonoma Livello 3

Il Livello 3 è molto prossimo alla realizzazione. Si tratta di veicoli che possono intervenire in ogni circostanza, anche in caso di pericolo accidentale. L’automobile ha tutti i sensori necessari per “vedere” la strada, ma il guidatore è sempre responsabile della marcia.

sensori self driving cars

Guida Autonoma Livello 4

Il livello 4 consiste in una vera e propria guida autonoma. La marcia procede senza intoppi e l’Intelligenza Artificiale è capace di manovrare totalmente l’automobile. Il guidatore, però, è sempre richiesto, anche se in veste passiva.

Guida Autonoma Livello 5

SI tratta di una vera e propria rivoluzione, anche se la sua attuazione è ancora fuori dalla nostra portata. Nel Livello 5 la presenza del guidatore non sarà più necessaria, si tratta di uno stato di piena automazione che cambierà il modo di intendere il trasporto privato.

Le normative legali in base ai livelli di guida autonoma

Freni concreti all’automazione della guida sono posti dalle legislazioni nazionali. Per un motivo di sicurezza ed omologazione, sono le autorità nazionali a dover autorizzare qualsiasi sistema tecnologico, anche solo per i test su strada. Gli Stati Uniti sono capofila a livello globale in quanto, in alcuni stati, è già iniziata la sperimentazione su strada, ma comunque non è stata autorizzata nessuna omologazione sopra il Livello 3.

tesla guida autonoma come funziona

In Europa, invece, è la Germania ad aver affrontato l’argomento a livello legislativo, seppur tra molte critiche e polemiche. Il Governo tedesco ha infatti varato una legge che permette test su strada per auto autonome. La normativa, che potrebbe estendersi anche alla fase di omologazione vera e propria, prevede anche la presenza costante del guidatore, che – però – potrà togliere le mani dal volante. Il guidatore avrà la responsabilità legale di tutto ciò che succede durante la marcia, quindi la soglia d’attenzione dovrà sempre restare alta. Questa legge esenta la casa produttrice dalla responsabilità su un eventuale incidente. L’auto dovrà anche montare una scatola nera, che deve essere accessibile – su richiesta motivata – alle autorità.

La questione etica

In realtà ciò che più di tutto rallenta la guida autonoma è proprio la questione etica. Il guidatore, infatti, è tenuto – in casi di emergenza – a prendere decisioni drastiche di cui si assume la responsabilità. L’auto potrà fare lo stesso? I legislatori, proprio per questo motivo, sembrano interessati ad intervenire proprio sull’algoritmo, il quale non dovrà contenere valutazioni “di opportunità”. Per fare un esempio banale, l’auto non potrà essere programmata in modo da preservare il guidatore a scapito del pedone. Inoltre il quinto livello di automazione è attualmente non permesso, neanche in fase di sperimentazione.

Lo stato delle cose per il settore automobilistico

Attualmente, complici le numerose limitazioni, il mercato delle self driving car è molto limitato. Alcune funzioni del Livello 0 e del Livello 1 sono già di serie su molte auto, anche se non si può parlare di una vera e propria autonomia. L’azienda che più ha realizzato tecnologie all’avanguardia è indubbiamente Tesla. Le auto Tesla sono a cavallo tra Livello 2 e Livello 3: nei paesi in cui è permessa l’omologazione, possono sfruttare a pieno tutte le potenzialità.

audi a8 guida automatica

Discorso differente per Audi. La casa tedesca aveva annunciato nel 2017 che la nuova generazione di Audi A8 sarebbe stata totalmente compatibile con il livello 3: il nuovo veicolo sarebbe stato nei listini a partire dal 2021. In realtà – secondo le ultime notizie – il modello non sarà pronto per il 2021. La pandemia, l’alto costo degli investimenti, e una normativa nazionale ancora incerta hanno rimandato il progetto a data da definirsi.

Come avere una Tesla con piccole rate mensili?

Una delle case automobilistiche più innovative del momento è indubbiamente la Tesla. Con RMS – Rent & Mobility Solutions è possibile noleggiare a lungo termine una Tesla con un piccolo canone mensile inclusivo di assistenza, tasse e manutenzione. Contattaci per saperne di più!